Roland DG è Gold Sponsor alla conferenza internazionale FAB10

Roland DG Corporation, leader mondiale nella produzione di stampanti a getto d’inchiostro di grande formato e sistemi 3D, annuncia la sua partecipazione come Gold Sponsor alla 10° Conferenza Internazionale Fab Lab FAB10, che si terrà a Barcellona, Spagna dal 2 all’8 luglio 2014.

Ospitato dal Fab Lab Barcellona, il FAB10 mostrerà le tecnologie per la digital fabrication e le sue contaminazioni dell’ambiente urbano, nell'ambito del tema "Dai Fab Labs ai Fab Cities". 

Oltre a seminari, workshop e simposi ci sarà uno spazio espositivo dedicato interamente alle tecnologie, la "Fab House" dove poter vedere e toccare dal vivo macchine e applicazioni realizzabili.

Roland DG fornirà i propri prodotti per i workshop per tutta la durata dell'evento e presenterà nel proprio stand le ultime periferiche dedicate alla stampa 3D additiva e sottrattiva.

"Roland è veramente felice di sponsorizzare questo evento globale dedicato ai FabLab", dice Masahiro Tomioka, Chairman e Presidente di Roland DG Corporation. E aggiunge "Condividiamo lo stesso desiderio di ampliare le possibilità della digital fabrication, per accendere la fantasia e la creatività delle persone in tutto il mondo e realizzare idee innovative per il futuro. Per questo siamo molto curiosi di vedere come le nostre tecnologie possano contribuire a migliorare la vita quotidiana, le nostre città, l’ambiente in cui viviamo e combattere le sfide globali che tutti dobbiamo affrontare".

Fab lab e Fab Conference

Fab Lab, che sta per Fabrication Laboratory, è un centro di produzione condivisa che offre la possibilità a tutti di utilizzare macchine con tecnologia digitale insieme a strumenti di lavorazione analogica, con l’obiettivo di poter costruire da soli ciò di cui si ha bisogno.

neil_gershenfeld.jpgIl concetto è stato originariamente proposto dal Prof. Neil Gershenfeld, direttore del Center for Bits e Atoms (CBA) del Massachusetts Institute of Technology (MIT). Attualmente, ci sono oltre 250 Fab Lab in oltre 50 paesi in tutto il mondo.  

Mossi dallo slogan “Fare, imparare e condividere” i Fab lab sostengono il concetto di Personal Fabrication con l’obiettivo di dare a tutti, per la prima volta, la possibilità di progettare, produrre e personalizzare i propri prodotti.

Ogni FabLab locale è connesso alla rete globale Fab Lab in tutto il mondo per condividere liberamente le informazioni, scambiare idee e collaborare a risolvere i problemi e realizzare progetti. Una volta l'anno in una città diversa nel mondo si svolge la Fab Lab Conference con l’obiettivo di radunare manager, professionisti e attori principali nel network globale dei Fab lab.

Fab Lab Barcellona

solar_fab_house.jpgIl Fab Lab Barcellona è stato fondato più di 10 anni fa da Tomas Diez, membro dello IAAC (Istituto di Architettura Avanzata della Catalogna). Nel 2010, il Fab Lab Barcellona ha costruito la Solar Fab House, con una struttura capace di produrre il doppio dell’energia che serve per il suo mantenimento, il tutto con energia pulita.

Nel 2013, ha iniziato lo sviluppo del progetto Smart Citizen Kit, un sensore che consente alle persone di misurare la temperatura, l'umidità, il rumore ambientale, la quantità di luce e la qualità dell'aria e caricare le informazioni in un server online, sperimentando un sistema di gestione della città di Barcellona gestito dai suoi cittadini. Attualmente, stanno lavorando a un progetto per fare in modo che sempre più cittadini partecipino alla Smart Citizen Kit al fine di raccogliere, analizzare e gestire dati completi riguardanti la vita in città. Creare un modello di "città intelligente" e sostenibile da esempio per il resto del mondo.

Il Fab Lab si occupa anche di fashion design, cibo, vita e tempo libero sempre con l’obiettivo di creare una città autosufficiente, dove i cittadini possono avere tutto ciò di cui hanno bisogno in maniera autonoma.

La scorsa edizione FAB9

roland_pandc_workshop.jpgFAB9, sponsorizzato anch’esso da Roland DG, si è svolto a Yokohama, in Giappone lo scorso agosto. Hiroya Tanaka, uno dei fondatori del Fab Lab Giappone e Professore Associato della “Faculty of Environment and Information Studies” alla Keio University, promuove il concetto di digital fabrication esaltandone la sua capacità di tirare fuori nuova creatività dagli individui e il suo impatto rivoluzionario nell’industria, nella scuola, nella vita quotidiana e nelle arti.

Dopo il FAB9, nuovi Fab Lab sono nati in tutto il Giappone. Il Ministero giapponese degli Affari Interni e delle Comunicazioni ha istituito un Comitato per lo sviluppo di una Fabrication Society, con a capo lo stesso Tanaka.

Tanaka ha anche lanciato un progetto per esplorare la potenzialità della città di Yokohama come Fab City e come hub culturale per le persone creative, lavorando a stretto contatto con università, amministrazioni pubbliche, imprese e cittadini.