L’ABC della stampa digitale. Inizia il viaggio.

La stampa digitale di grande formato è un elemento onnipresente nella nostra vita quotidiana. Per questa ragione ne approfondiremo gli aspetti più importanti, qui sul nostro blog. Inizia quindi il nostro viaggio e non perdetevi i nostri post.

 

Dov’è la stampa digitale?

Come abbiamo già detto, la stampa digitale è presente in tantissimi oggetti o situazioni quotidiane, e la sua presenza, quantitativamente parlando, è molto più consistente di quella che possiamo immaginare.


Non ci credete? Ecco un breve elenco di esempi che potete sperimentare in una vostra qualsiasi giornata: le etichette dei detersivi o delle bottiglie, i poster affissi lungo le strade, le scritte pubblicitarie sui furgoni e sulle auto, il packaging di vari prodotti, le cover dei nostri telefoni, gli striscioni degli eventi, le grafiche sulla nostra maglietta preferita e molto altro ancora.

Poster realizzato con la SOLJET PRO$ XR-640

 

Le stampanti per la stampa digitale di grande formato

Qual è il campo d’azione della stampa digitale di grande formato? Cosa lo definisce?
Sicuramente la dimensione e le tecnologie adottate per stampare.

Parlando delle dimensioni, intendiamo le luci di stampa, cioè la larghezza massima del materiale che la stampante può “accettare”.
Se conoscete un pochino della stampa normale o della stampa CAD, riconoscerete sicuramente i termini A4, A3, A2, A1 ecc. Bene. Questi sono i termini che indicano la dimensione dei fogli larghezza per altezza.

Nella stampa digitale di grande formato si preferisce utilizzare non la larghezza per altezza come nel formato CAD, ma la larghezza del materiale: 51 cm, 70 cm, 100 cm, 134 cm, 160 cm fino ai 320 cm (ne esistono anche di più grandi, ma è un altro discorso).


Queste misure derivano dalle dimensioni in pollici adottate nel sistema anglosassone. Quindi 160 cm è pari a 64 pollici (circa 64×2,54). Spesso nelle sigle delle stampanti trovate questo numero che definisce appunto la dimensione massima accettabile.

Esempio pratico. La Roland VersaCAMM VS-640i indica che la luce di lavoro è di 64” cioè di 160 cm. Chiaro no?

Per la lunghezza, solitamente non ci sono limiti, ma lo vedremo più avanti. Un’altra cosa da sapere è che il materiale per la stampa digitale solitamente lo si trova in rotoli e, talvolta in fogli. Anche questo segna la differenza rispetto alla stampa “normale”. Non dilunghiamoci oltre e cerchiamo di capire cosa si può fare con una stampante di grande formato, guardando questo video.

 

 

 

Stampa, stampa&taglio

Le stampanti sono chiamate anche plotter (ormai i termini sono interscambiabili).
Nella famiglia Roland, si dividono in modelli da stampa oppure stampa&taglio. La differenza?
Mentre quelle da stampa appunto stampano (e vedremo più avanti su quali materiali) quelle stampa&taglio integrano, oltre alla normale funzione di stampa anche quella della sagomatura o scontorno (termine gergale ma efficace e che troverete spesso nel settore!).


Questa doppia funzione è fondamentale, ad esempio, per realizzare etichette in PVC adesivo senza bisogno di creare una fustella meccanica e di scontornare in uno stesso file adesivi di forma diversa, anche sullo stesso materiale.

La stampa digitale ci consente di personalizzare, decorare, rinnovare e rendere unici degli oggetti all’apparenza banali o che, vedendoli tutti i giorni, non attirano più il nostro interesse (come le pensiline delle fermate dei tram o il classico marciapiede, una bici, un’auto o una vetrina).

La periferica stampa&taglio Roland VersaCAMM VS-640i

 

Il processo di stampa

Avvicinandovi quindi a questo mondo, è di vitale importanza che conosciate il processo di stampa digitale, soprattutto quello che va dal software di gestione della stampante (chiamato RIP, Raster Image Processing) sino alla creazione della nostra grafica. In questo modo, potrete dare una marcia in più alla vostra campagna di comunicazione e di poterla sviluppare grazie alla conoscenza acquisita.

Per questo, nei prossimi post approfondiremo i vari aspetti della stampa digitale, dal funzionamento dei plotter da stampa (o stampa e taglio) alla composizione dei materiali utilizzati per realizzare delle applicazioni grafiche di grande impatto visivo.

 

Segui la rubrica sul nostro blog o scarica la guida da Socila Shop! 

 

Vuoi maggiori informazioni sulle periferiche Roland? Scrivici subito, ti risponderemo immediatamente.