monoFab. L'intervista a Masahiro Tomioka, presidente di Roland DG Corporation.

Dopo aver pubblicato le inteviste al progettista della stampante 3D ARM-10 e del modellatore SRM-20, oggi attraverso le parole del presidente Tomioka potrete avere un'idea più chiara sul perchè abbiamo deciso di realizzare una serie di periferche che combinano due diverse tecniche produttive.

 

Cosa l’ha spinta ad entrare nel mercato del 3D e creare la sua idea di business?

La nostra azienda è stata fondata nel 1981, quando i computer stavano diventando sempre più piccoli e iniziavano a diffondersi nelle abitazioni e nelle imprese. Tutti nel mondo si aspettavano un rapido sviluppo sia dei PC sia della tecnologia digitale. Abbiamo sempre pensato che, collegando ai computer delle periferiche desktop, potevamo aiutare le persone a riscoprire la gioia di creare, riducendo il gap tra mondo virtuale e mondo reale.

Questa è in sintesi la vera ragione del nostro business. Abbiamo iniziato combinando 2 assi, X e Y, per poter digitalizzare disegni con un plotter a penna. Nel 1986, con l’aggiunta del terzo asse Z e sostituendo il pennino con una fresa, abbiamo realizzato il primo modellatore desktop 3D.

La scintilla che ci ha spinto a entrare nel mondo del 3D è stata la nostra cultura aziendale che, da sempre cerca di valorizzare la creatività di ogni singolo ingegnere e designer.


L'intervista al presidente Tomioka in occasione del lancio delle nuove periferiche monoFab

 

Come sono stati i risultati del mercato 3D da allora?

Roland ha esperienza nel mondo della fabbricazione 3D da quasi 30 anni ed ha venduto un totale di 100.000 periferiche dedicate alla desktop fabrication. Con i nostri prodotti 3D si possono realizzare prototipi per il product design, facilitando così, il lavoro delle nuove generazioni d’ingegneri, creativi e designer. In più, consentono di avvicinare gli artigiani tradizionali al mondo digitale e permettono a hobbisti e maker di sperimentare e produrre.

Negli ultimi anni, Roland è presente anche nel settore dentale, dove è richiesta la massima precisione per realizzare applicazioni specifiche come protesi o restauri dentali. Come pionieri della fabbricazione desktop, il nostro dovere è di entrare in molti campi trasformando l’immaginazione in realtà e diffondendo la felicità della creazione.

monofab_arm-10_srm-20_speakerball.jpg

Qual è il valore che la ARM e la SRM danno insieme?

In tutta franchezza, migliorano le possibilità della fabbricazione 3D desktop. Sfruttando al meglio le caratteristiche di ogni modello, si può utilizzare il metodo di produzione ottimale per ogni fase del processo, che va dall’idea alla produzione del prodotto finito. Usare insieme le due macchine rende possibile creare delle vere innovazioni.

La nostra speranza è quella che gli utenti di tutto il mondo imparino a utilizzare il potenziale del monoFab, con la sua combinazione di tecnologia additiva e sottrattiva, per produrre grandi opere.

 

Scarica la versione integrale dell’intervista!

Vuoi altre informazioni sulla nuova serie monoFab? Scrivici subito per saperne di più!